Loafers Body Donna SKULL ROSES

B01CPP3FW2

Loafers - Body - Donna SKULL ROSES

Loafers -  Body  - Donna SKULL ROSES
  • 95% Viscosa, 5% Elastan
Loafers -  Body  - Donna SKULL ROSES
Minions Potakino Lo Patata Top donna nero Nero
Ente Parco
Natura e storia
Ivydressing Vestito Astuccio Donna Bianco
Il Parco propone
erdbeerloft Vestito Opaco Donna Rosa

Per ottenere la licenza Oscar deve infatti compiere diciassette anni . Sembrerà strano ma in Italia si può guidare prima un elicottero che una macchina. È consentito infatti iniziare già ad otto anni anche se piloti giovani come Oscar, alla scuola per elicotteristi dove si sta formando in Valbrembo, non ne hanno mai visti. Naturalmente senza brevetto non si possono trasportare persone.  Per il momento sul «suo» elicottero possono salirci solo lui e il pilota  istruttore che, ai doppi comandi, insegna ad Oscar le varie manovre. «Mi fa tenere l’elicottero a circa due metri da terra - spiega - poi facciamo qualche giro di campo e anche ispezione del territorio, lavoro che la scuola svolge per la Protezione civile».

In Valbrembo Oscar trascorre praticamente tutti i suoi fine settimana. «La prima volta che l’ho portato alla scuola di volo aveva poco più di otto anni - racconta il papà - e per gioco è salito su un mezzo.  Da lì è scattata una passione che non lo ha più lasciato . A casa studia la teoria, i vari modelli di elicotteri e noi lo assecondiamo perché lo fa col cuore». Per Oscar pilotare un aeromobile «è molto divertente, una sensazione che non so spiegare».  Paura? «Proprio no , neanche la prima volta. È stato bellissimo». Compiuti sedici anni inizierà le lezioni teoriche per poi, a diciassette, fare l’esame per la licenza di pilota. «Il brevetto però - spiega - non è come la patente per le automobili, che puoi portare una cinquecento e una Ferrari allo stesso tempo. In aria per ogni mezzo servono lezioni specifiche». Oscar ha già fatto esperienza su 3 tipi di mezzi: un Lama, il Robinson R22, e l’Eluet 2. Quando arriverà il momento, sarà pronto.

Dopo il successo di Milano, adesso tocca a Firenze accogliere il  Wired Next Fest che torna nel capoluogo toscano per il secondo anno consecutivo. Il 30 settembre e il 1° ottobre il più grande festival italiano dedicato all’innovazione animerà Palazzo Vecchio e trasformerà per due giorni la città nella capitale del cambiamento.

Mentre a Milano si è parlato di  Identità , a Firenze il festival si svilupperà attorno al tema  Confini  che sarà esplorato in tutte le sue forme anche all’interno del giornale – recentemente eletto “Miglior Magazine dell’anno” agli SPD Awards di New York – in edicola a settembre.